Send your Call or Congress to fasticongressuum@gmail.com

Alter/Ego. Confronti e scontri nella definizione dell’Altro en ella determinazione dell’Io -21-22-23


go to CALL FOR PAPERS


L’altro: il “non io”, il “diverso da me”, colui che non appartiene all’orizzonte o all’identità collettiva definita genericamente “propria”. Sono tanti i nomi dati a un tema che da sempre è presente nella coscienza umana – in ogni epoca, luogo, accezione sociale. Oggi più che ieri possiamo parlare di un mondo che scorre verso l’altro, nell’epoca in cui le distanze sembrano annullarsi, gli scambi sono fluidi e gli individui hanno la possibilità di entrare ripetutamente e facilmente in contatto con realtà diverse e lontane dalla propria. L’interazione io/altro può essere intesa come momento di incontro, che permette il superamento di un limite, o come luogo di scontro, delineando una situazione conflittuale. In ogni caso, esso impone all’io una definizione e rappresentazione dell’altro, attraverso un procedimento spesso oppositivo. Non solo: l’incontro/scontro con l’altro può portare – e di fatto porta – ad una rivalutazione e ridefinizione dello stesso io. Queste riflessioni hanno creato il terreno fertile per il primo Colloquio Interdisciplinare del Dottorato di ricerca in Studi Linguistici, Filologici e Letterari dell’Università degli Studi di Macerata: un’occasione di incontro e confronto tra giovani studiosi, con un occhio di riguardo per l’attualità e una forte vocazione interdisciplinare.


FECHA/DATE/DATA: 21-22-23/11/2017


LUGAR/LOCATION/LUOGO: Università degli Studi di Macerata, Macerata (Italy)


ORGANIZADOR/ORGANIZER/ORGANIZZATORE: Valentina Ferrigno; Sandra Gorla; Carlotta Larocca; Marta Paris; Elena Santilli; Flavia Sciolette


INFO: web - alterego@unimc.it


INSCRIPCIÓN/REGISTRATION/REGISTRAZIONE:


PROGRAMA/PROGRAM/PROGRAMMA:

categorías / tags / categorie

Fasti Congressuum is licensed under a Creative Commons Reconocimiento-NoComercial-CompartirIgual 4.0 Internacional License
© 2014 by Fasti Congressuum. Proudly created by M. Cristina de la Escosura